GLI OCCHI DELLA MADONNA

GLI OCCHI DELLA MADONNA

 

Era una mite giornata di marzo. Leggera, come una nuvola di primavera, la giovane donna camminava pensierosa lungo il sentiero che si snodava bianco davanti a Lei. Assorta, con lo sguardo attento, cercava qualcosa in lontananza che sperava di scorgere ad ogni momento.

"Avete visto il mio bambino?" chiedeva senza sosta "E' così piccolo il mio Gesù che, se nessuno lo aiuterà a tornare, si perderà lungo le strade del mondo!" ma non riceveva risposta.

Tutti erano indaffarati a fare qualcosa di molto importante. Chi si preparava per la festa. Chi doveva andare lontano e non aveva tempo per fermarsi. Chi neppure si interessava all'angoscia della giovane madre. Aveva percorso ormai in lungo e in largo tutto il Paese senza esito quando, stanca, decise di fermarsi sul ciglio di un prato.

"Perché piangi, Bella Signora?" pigolò una vocina proprio sotto di Lei. Maria guardò giù e vide una piantina, appena spuntata dal terreno, alzare faticosamente il capo per raggiungerla.

"Il mio bambino è uscito di casa questa mattina e da allora non è più tornato" rispose "Giuseppe ed io abbiamo deciso di cercarlo per strade diverse... ma nessuno di noi l'ha ancora trovato. Guarda" continuò disperata Maria "sta giungendo la notte. Come troverà la strada di casa, il mio piccolo Gesù?".

Limpidi, come gocce di fonte, gli occhi della Madonna si riempirono di lacrime e due stille salate caddero sul capino della giovane pianta, che tentò di confortarla.

"Non piangere Bella Signora" le disse "torna da Giuseppe e vedrai che, prima di sera, il tuo bambino sarà tornato".

Forse perché tanto stanca dell'inutile cercare, o forse perché nella voce della piantina udì una nota di speranza, Maria asciugò le lacrime e si incamminò leggera lungo il prato, senza quasi sfiorare il terreno. Pareva, infatti, fluttuare sopra i primi fili d'erba color smeraldo, come per non piegarne lo stelo...

Quando la Madonna scomparve dietro il colle, tutti gli animali del prato e quelli dell'aria e dell'acqua ed ogni filo d'erba e tutti i sassi e le onde dei torrenti, iniziarono a cercare il piccolo Gesù. Anche il Vento si mise alla ricerca del bimbo, soffiando il suo richiamo sopra le cime degli alberi e il Sole spinse i raggi là, dove non si era mai addentrato. Frugò negli anfratti bui di umide caverne e chiese aiuto alla Montagna, che non si turbò di tanta invadenza, ma a sua volta destò le millenarie rocce, pregandole di riportare alla luce il piccolo Gesù. Il Fuoco si spense nel timore di bruciare il dormiente e l'Aria mitigò il suo rigore, per non infreddolire il bimbo.

Tutto il CREATO si mise in movimento. E finalmente una rondine tornò, con la notizia che il fanciullo stava peregrinando lungo i declivi, alla ricerca di un fiore da regalare alla sua Mamma... e cammina, cammina si era tanto allontanato, da non ricordare più la strada del ritorno.

"Che fare?" si domandarono i fiori del campo, ancora immersi nel torpore invernale e troppo insonnoliti per sbocciare "se ci schiudiamo adesso, rischiamo di morire!" e, come loro, tutte le gemme convennero che era troppo presto per germogliare.

Nel trambusto del prato, solo la piccola pianta taceva, assorta. Le lacrime della Bella Signora ancora brillavano tra le sue foglie, quando iniziò a pregare così "CREATORE di ogni filo d'erba regalami, per una volta soltanto, il fiore. Ne coprirò un sentiero intero, che condurrà il piccolo Gesù dalla sua Mamma...

Poi, se vuoi, ferma pure la linfa che scorre nelle mie radici e riprenditi la mia essenza"... e il Creatore del mondo la esaudì. Fece sbocciare sul capo della piantina un minuscolo fiore bianco, dal bordo azzurro come gli occhi della Madonna, e ne ricoprì un intero sentiero.

Il piccolo Gesù, alla vista di tanti fiori novelli, trotterellò felice verso casa, cogliendoli tutti, uno dopo l'altro, sino a quando giunse dalla sua Mamma e glieli depositò in grembo.

Stringendo il Bimbo tra le braccia, Maria guardò i fiori e tra questi riconobbe la giovane pianta, allora con un dolcissimo sorriso la ringraziò.

"Non ti scordar di me, Bella Signora" sussurrò con flebile voce la piantina, ormai sul punto di morire.

"Non lo farò" rispose la Madonna...

 

 

   ...E da allora ogni anno, sul ciglio delle strade del mondo, spuntano per primi dei minuscoli fiori bianchi dal bordo azzurro, che qualcuno ancora chiama "Occhi Della Madonna" o "Nontiscordardime".

 

Lidia Menorello

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.